Come utilizzare e organizzare le etichette di Blogger
in: //

Come utilizzare e organizzare le etichette di Blogger



Come utilizzi le etichette di Blogger? Come fossero tags o categorie?
O peggio ancora come hashtags?
Se sotto al tuo ultimo post hai inserito più di 5 etichette, sì lo stai usando come hashtag, e credimi è il modo più sbagliato per farlo!

Le bloggers che hanno un blog con WordPress hanno vita piuttosto facile.
Nell'interfaccia della creazione dell'articolo, infatti, hanno la possibilità di inserire in due e dico DUE spazi appositi la categoria e i tags. Possono persino scegliere se quella categoria debba essere una sottocategoria.
Sì.

Ma io e te cara amica e compagna di mille peripezie nel mondo di Blogger (che comunque io adoro) non siamo così fortunate e dobbiamo stare sempre un passo avanti!

In questo post condividerò con te il sistema che ho utilizzato per:
  1. definire gli argomenti principali
  2. ripulire il blog dalle vecchie etichette
  3. cosa farne delle etichette 'occasionali'.


Ma prima di partire devo assolutamente rispondere alla domanda posta ad inizio articolo.

Come definisco le etichette di Blogger: categorie o tags?

Senza ombra di dubbio le considero categorie!
E anche per un semplice motivo: suddividere i post in categorie, non solo aiuta l'utente a navigare meglio nel nostro sito, ma ci aiuta anche nella indicizzazione.

E qui entriamo nel fattore SEO che non è il mio campo, ma se fate una ricerca in rete troverete tante fonti validi che spiegano come migliorare la SEO di un blog.
Io ti consiglio di leggere qualche articolo di seoblog.giorgiotave.it
Per quanto riguarda i consigli base per la piattaforma Blogger, pubblicati fin'ora nel mio blog, ti invito a leggere il mio post su cosa settare nel tuo blog.

Torinamo a noi!
Una volta stabilita la natura delle etichette di Blogger, dobbiamo cercare di definire quali categorie saranno le principali e quali no; questo lavoro non possiamo farlo attraverso il pannello di amministrazione, dobbiamo piuttosto definirle a priori, per poi decidere quali inserire.

Le categorie sono argomenti specifici che danno una giusta impronta al tuo blog.

Prendiamo il mio caso. Quando ho analizzato il mio blog, mi sono focalizzata sugli aspetti principali della mia comunicazione.
Ancora una volta, l'analisi prevede la risposta alle tre domande che formano il mio modulo delle 3 C:
Cosa voglio comunicare?
A Chi voglio comunicarlo?
Come voglio comunicarlo?

In questo caso prenderò in esame la prima domanda: cosa voglio comunicare.
Se non conosci gli ingredienti e le dosi giuste per fare una torta di mele difficilmente verrà deliziosa.
Lo stesso concetto vale per il blogging: se non conosci gli argomenti (ingredienti) e il modo in cui dosarli, il tuo blog tratterà di tutto e di niente!
La conseguenza sarà che i tuoi lettori si sentiranno confusi, senza riuscire a collocarti in nessun posto e alla fine smetteranno di leggerti.
È una triste conseguenza, lo so.

Se stai annuendo leggermente con la testa a questo punto del post, sei pronta per dare la svolta al tuo blog!

Cosa voglio comunicare?

Io ho una grande passione: il Blogging, e lo tratto in tutte le sue sfaccettature, siano esse consigli sui contenuti che tutorial per migliorare la grafica.
Due macro argomenti quindi vanno a definirsi: il Blogging e i Tutorial di web design, categorie nelle quali si distribuiscono la maggior parte dei miei post.

Nei miei articoli di Tutorial non parlo, però, solo della piattaforma Blogger, ma anche di WordPress. Queste andrò a definirle come sottocategorie, e come tali compariranno nel mio menu del blog.

In questo post non parlo di Blogging in generale, ma di come utilizzare le etichette di Blogger, ma quest'ultimo non è una sua sottocategoria.
Come comportarmi allora?
Personalmente inserisco entrambe le etichette (blogging + blogger) perchè vanno a toccare entrambi gli argomenti.
E mi fermo qui!

Non andrò di certo ad inserire altre parole chiave con la speranza che facciano da esca per i motori di ricerca: sarebbe un grosso errore!

Less is more vale anche in questo caso: più ordinato ed essenziale è il blog e meglio è!
Fidati, io lo sto sperimentando!

Una volta che hai definito la struttura gerarchica delle categorie da trattare nel tuo blog, non hai più scuse: devi eliminare il superfluo!
Questo processo io lo definisco blog decluttering.

Come ripulire le vecchie categorie

Ti invito ora a dare uno sguardo alle etichette che hai inserito nel corso degli anni, o comunque da quando hai aperto il blog. Sono tante, vero?
Come fare ad eliminare quelle etichette che non utilizziamo più? Come facciamo a collocare una serie di post sotto una nuova etichetta?
Aprendo un post per volta? Assolutamente no!
Con Blogger c'è un sistema facilissimo e veloce!

Aggiungi / Rimuovi etichette
Vai all'elenco dei tuoi post e seleziona quelli ai quali hai deciso di modificare l'etichetta (vedi immagine).
Se selezioni una etichetta per un post nel quale non è presente, questa si andrà ad aggiungere.
Qualora l'etichetta fosse già presente andrai a rimuoverla.



Crea nuova etichetta
Per crearne, invece, una nuova ti basterà cliccare su 'nuova etichetta', e questa si andrà ad aggiungere non solo ai post selezionati, ma anche all'elenco delle etichette nell'interfaccia della creazione dei post.



Cosa farne delle etichette occasionali?

Le etichette occsionali sono quelle che abbiamo utilizzato per uno o due post e che sappiamo non essere davvero fondamentali.
Ovviamente ti consiglio di farne pulizia! Come, te l'ho appena mostrato sopra.


E ora un piccolo regalo per te!


Anche questo post è giunto al termine e spero ti sia utile.
Come sempre ti invito a lasciare un commento se hai dubbi o domande da pormi.
Di queste cose mi piacerebbe tantissimo parlarne di persona attraverso le dirette su instagram: fammi sapere cosa ne pensi :)








Aiutami a crescere, condividi il mio post!
Grazie!
Migliorare la comunicazione nel blog
in: //

Migliorare la comunicazione nel blog



Hai mai avuto la sensazione di pensare, alla fine dell'anno, magari dopo tanto sbattimento, "ecco anche quest'anno non ho concluso niente!"?
A me è capitato. Anzi, se proprio devo dirtela tutta, a me capita ogni fine mese.

La sensazione che si faccia tanto e poi non si arrivi mai ad una conquista personale (ma sì, ammettiamolo) è frustrante.

Non godere mai di un successo gratificante è la prima cosa che mi fa pensare di mollare, in ogni ambito; mettici anche il fatto che io e la mia autostima ci guardiamo con il binocolo.

Io, però, non mollo!
Cosa faccio? Cerco di trovare un modo per migliorare ciò che sto facendo, perchè se non arrivo a dei risultati forse è a causa mia.
Sì, ma è solo un forse, per l'appunto.
Però bisogna pur partire da qualche parte, e non posso certo pretendere di poter cambiare gli altri.
Quindi parto da me stessa!

La mia comunicazione

Sul blog è molto chiara: i miei temi principali sono il Blogging, con i miei consigli per migliorare i contenuti del blog ed evitare errori, e i Tutorial di blog design, per migliorare l'aspetto grafico del tuo sito.
Poi, come satelliti intorno ad una pianeta, ci sono argomenti quali il Bullet Journal, il sistema di organizzazione personalizzato che uso ormai da 3 anni per verificare la mia produttività, e Life, categoria nella quale parlo di me (molto apprezzata, a dire il vero).

Chi mi segue da tanto sa di cosa mi occupo, cosa faccio e per quali servizi può contattarmi. Conosce soprattutto la mia voce: il tono con cui scrivo è quello che uso da anni, anzi è diventato sempre più confidenziale, direi, restando sempre sul focus, però... senza cazzeggiare troppo insomma.

Chi mi segue da tanto lo sa.

E se il problema fosse proprio qui? Sul chi mi segue da tanto?

No, no, il problema non è la persona che mi segue da tanto. Il problema sta nel mio modo di pensare e di vedere il mio blog, e la mia comunicazione, come le persone che mi seguono da tanto.
Dovrei inziare a vedere il mio blog con uno sguardo che arriva da lontano, quindi mettendomi nei panni di quell'utente casuale che per la prima volta arriva qui, in casa mia.

Se aspetti un ospite a casa, cosa fai?
Sistemi il disordine, gli fai trovare qualcosa da bere e anche da mangiare. Lo fai accomodare sul divano buono (quello che i figli non hanno sfondato da piccoli) e ovviamente non ti fai trovare impreparata, in pigiama.

Tutto deve dire 'Ti stavo aspettando!'.


Il blog è la mia casa!

L'utente casuale arriva nel mio blog, per vari motivi: una ricerca fatta su google, un link condiviso su un social... e altro non pervenuto nei meandri della mia mente.
Qualunque sia il motivo, una cosa è certa, l'utente è qui perchè ha trovato la risposta alla sua domanda!

Alla base della comunicazione del blog c'è il principio di tutto, ovvero ciò che rappresenta un blogger.
Il blogger, infatti, condivide la sua esperienza, la sua passione, per riusciere a dare risposte a domande, e soluzioni a problemi, al lettore.

Consapevole di questo, non puoi quindi lasciare che l'utente intuisca dove andare; devi indicargli le migliori risposte che può trovare nel tuo blog.

Riprendendo l'esempio dell'ospite che arriva a casa, non puoi lasciare che apra tutte le porte per riuscire a trovare quella del bagno. Devi indicargliela, o ancora meglio accompagnarlo verso quella porta.
La stessa regola vale per il blog: accogliere, indicare, accompagnare.

Ma per fare questo devi conoscere la struttura del blog, le stanze più interessanti, quelle che sono il cuore pulsante della tua comunicazione.
A cosa mi riferisco?
Agli argomenti principali che hai deciso di trattare!

Nel mio vecchio post Perché aprire un blog ti avevo già posto queste domande: a chi vuoi rivolgerti? Cosa vuoi proporre? Come vuoi proporlo?
Queste non sono domande da porti solo una volta per poi farle cadere nel dimenticatoio.
Sono domande che devi porti ogni volta che fai una revisione del tuo blog, quindi il punto della situazione nella tua comunicazione.

La blogosfera è cambiata.

Penso che tu te ne sia accorta da un bel pezzo. La blogosfera è cambiata!
Rispetto a qualche anno fa, i blog stanno soffrendo a causa dei social. Questi, di fatto, ci portano a  pensare e agire più velocemente rispetto a prima.

Prendiamo instagram (un social a caso, eh eh): scorriamo verso il basso, il 90% delle volte non leggiamo la didascalia, e... tap tap mettiamo likes come se avessimo un tic al dito.

Ora le stories stanno prendendo il sopravvento sulle foto della gallery, perché, diciamolo, ci siamo un po' rotte del fatto che non si vedano più le foto in ordine cronologico.
Le stories, anche loro non mostrate in ordine cronologico (lo sapevi, vero?) sono quelle che stanno dando il colpo di grazia; le guardi, le salti, le swippi, e così via.
Sembra quasi che non abbiamo più voglia di ascoltare, leggere e godere ciò che viene comunicato.
E il lavoro che c'è dietro va a farsi benedire.
Il perché questo accada? Probabilmente perché non ci prendiamo più il tempo di farlo.

La comunicazione è cambiata e i blog ne pagano le conseguenze.

Tu però, mia cara Amica Blogger, non devi demordere!
Non pensare di comunicare sul tuo blog come faresti sui social.
Non aggiornare il tuo blog con foto delle ultime creazioni senza spiegare cosa ti ha portato a concepirle.
Non aver paura di raccontarti in ogni post con intensità, approfondendo gli argomenti che tratti.
Non aver paura di scrivere troppo perchè altrimenti le persone non ti leggono.

Noi siamo blogger e il nostro compito è anche quello di essere al servizio degli utenti, di intrattenerli e di regalargli quel pezzetto del nostro mondo interiore che solo sul blog riusciamo a tirar fuori.


Spero che il post ti sia piaciuto, fammi sapere cosa ne pensi nei commenti ♥


Aiutami a crescere, condividi il mio post!
Grazie!

Come creare una firma per la tua email
in: //

Come creare una firma per la tua email



Una delle domande che ricevo quando rispondo ad una email riguarda la firma che accompagna ogni mio messaggio di posta elettronica.
'Come l'hai fatta?'
In realtà non è nulla di complicato.
Per creare una bella firma da inserire nella tua email ti basta ben poco: un logo, un accenno a ciò che fai e i links ai tuoi social.

Questa è la mia firma nella email!



È davvero molto semplice: il logo richiama, ovviamente, quello del sito. Anche le icone, che riportano ai miei canali social, ricordano quelle nella sidebar e nella barra in alto.

Come l'ho fatta? Con Google Drive!
Di sicuro ci saranno altri metodi; questo è quello che ho utilizzato io e che ho trovato molto facile e veloce.

Ti lascio alla visione del video tutorial, sì perchè sono tornata sul mio canale!

Ricordati di iscriverti se non vuoi perdere i prossimi video, ma soprattutto metti un bel pollice in su!



Ti è piaciuto questo post? Pinnalo!

welcome 2019! Cosa porto con me nel nuovo anno.
in: //

welcome 2019! Cosa porto con me nel nuovo anno.

"Non aver mai paura del cambiamento".
Un nuovo anno è arrivato con il suo bel bagaglio pieno di speranza, consapevolezza, dubbi, incertezze. Tanti 'se' e tanti 'ma'.

Io ho lasciato una pagina vuota sul bullet journal. Una pagina, l'ultima del 2018, sulla quale scriverò cosa ho imparato, sbagliato e ottenuto da questo anno che ci ha appena lasciato.
(A me sembra che il 2018 sia stato il più veloce fra tutti gli anni passati, a voi no?)

Non voglio scrivere le buone intenzioni, perchè puntualmente disilludo me stessa.
Ma scriverò obiettivi concreti, veri, fattibili.
Forse raggiungibili in pochi mesi.
E se così fosse, lasceranno spazio ad altri obiettivi, magari sogni da poter realizzare.

Questa volta voglio restare coi piedi ben piantati per terra.
Chissà che non sia la volta buona in cui spiccherò il volo.


p.s.
lo so, post striminzito, ma se non avessi pubblicato oggi un post, che ha il gusto di un promemoria per me, non l'avrei più fatto. E sarebbe passato il momento adatto.
Quindi sì, oggi poche parole, già condivise su instagram, ma che sento fortemente.
Christmas diy: riciclare la carta regalo e creare piccole confezioni carine
in: //

Christmas diy: riciclare la carta regalo e creare piccole confezioni carine



Buongiorno! Caspita un altro anno è passato e siamo già a dicembre?
Sul mio blog, poi, il tempo vola ancora più velocemente :D

Visto che Natale è praticamente alle porte, ho deciso di proporvi un diy semplicissimo che vi permetterà di riciclare le strisce della carta da regalo, che tante volte restano aspettando di essere in qualche modo utilizate, magari come toppe-nascondi-spazio per qualche regalo troppo grande.
Chi lo ha mai fatto? Io sì!

Questo diy natalizio però va bene anche per chi realizza creazioni handmade, o è una snail mail addict, e fa piccoli swap, e vuole impachettare in modo carino e personalizzato i preziosi contenuti.

Ok, let's go!

Innanzitutto ciò che vi occorre è:
  1. rettangolo di carta regalo avanzato da chissà quale epoca natalizia
  2. forbici normali
  3. forbici di cui non conosco il nome ma che tagliano a zig-zag 
  4. colla

Veniamo al...

procedimento


1. Piegate a metà la striscia rettangolare, dal lato più lungo, segnando bene la parte piegata stirandola con il dito.

2. Riaprite la carta e, per i lati più lunghi, rientrate di mezzo centimetro i bordi, piegandoli verso l'interno.

3. Pratica un taglio in diagonale con la forbice, che finisca sulla piegatura che abbiamo fatto al primo punto (vedi foto). Verranno a crearsi due alette.





4. Passa la colla sulla piega di mezzo centimetro, ma NON sulle alette formate in precedenza. Ripiega la carta su sé stessa, chiudendola.

5. Metti ora la colla sulle alette, in modo che vadano a chiudere i bordi laterali del sacchettino, lasciando così il lavoro pulito e carino.





6. Con la forbice dentata (forse è questo il suo nome) taglia la parte superiore della confezione, per avere l'apertura in un certo senso decorata. Ed è fatta!




Credimi è molto più semplice farlo che spiegarlo!




Spero che il diy ti sia piaciuto :)
Se così fosse condividilo come se non ci fosse un domani!
Se ti va lascia anche un commento sotto al post.
Grazie per il tuo affetto ♥


Ti è piaciuto questo post? Pinnalo!

5 errori da non fare mai più come blogger
in:

5 errori da non fare mai più come blogger



Se ti stai chiedendo se esiste una formula perfetta per portare il blog ad un alto livello, beh... se esiste io ancora non la conosco.
Ci sono però degli accorgimenti che possiamo prendere affinché i visitatori che arrivano sul nostro blog si sentano non solo a proprio agio, accolti da una persona reale, ma anche soddisfatti di aver trovato quella ispirazione che stavano cercando, o, nella migliore delle ipotesi, la soluzione tanto sperata ad un loro problema, qualunque esso sia.

Ci sono tanti errori che ho fatto in passato e che ancora faccio, come blogger.
Cerco sempre di migliorarmi perchè voglio fare il famoso passo avanti e portare il mio blog ad un livello più alto, che mi faccia persino guadagnare un po' di soldi.
Voglio che diventi in tutto e per tutto il mio lavoro, non più il mio hobby.
Per questo mi sono dedicata tantissimo all'aspetto grafico e ai contenuti dei post, perchè potessero essere davvero d'impatto e d'ispirazione, ma allo stesso tempo semplici e cozy. Come me.

Ti avevo già detto in passato gli errori da non fare con il blog, ma oggi voglio trattare quelli che più ho fatto come blogger in questi anni e come analizzandoli, in questi ultimi due mesi, mi hanno aiutata a rendere il mio sito più forte anche nella struttura.



Prendi carta e penna, o magari il tuo bullet journal, come faccio io di solito, e inizia a prendere appunti, perchè questi consigli che ti dò sono così semplici che alla fine dirai "Come ho fatto a farli per tutto questo tempo?".


1. Non pianificare i post.


Sembra quasi una assurdità dirlo, ma è così. Un errore che ho sempre fatto come blogger è quello di non aver mai, dico MAI, pianificato i miei post.

È stato un errore che mi è costato tanto lavoro inutile, tanto sbattimento e tantissimo stress!
La vita di tutti i giorni ti mette davanti a intoppi, imprevisti quotidiani, e tu non puoi farci niente.
E se pensi di essere una blogger contando solo sulle tue forze di super donna, che si prefigge di far uscire due post a settimana a discapito di ciò che succede nella vita reale... beh, ti faccio i miei complimenti!

Io non sono mai riuscita a gestire gli imprevisti e puntualmente sono saltati post da pubblicare in determinati periodi.
Perchè? Semplicemente perchè non li ho scritti, editati, revisionati e programmati per tempo (un po' come questo che doveva uscire ieri e invece...)

Quindi, se vuoi evitare un errore che commettono alcune blogger, programma, pianifica i tuoi post per tempo, quando hai tempo a disposizione. Il blog crescerà sicuramente, fidati.


2. Trattare troppi argomenti.


Quando ho deciso di risistemare il blog mi sono imposta un percorso da seguire: il mio blog deve parlare di blogging, pianificazione e creatività, qualche volta.
Pubblicare post che trattano argomenti diversi, solo perchè si conoscono, non è sempre una buona cosa. Se sei una creativa e hai manualità con materiali differenti non è detto che tu debba trattarli tutti con la stessa frequenza.

Possono esserci delle eccezioni, come le festività, ma non può essere la regola.
È sempre meglio trattare pochi argomenti ma pubblicando contenuti di qualità, piuttosto che puntare sulla quantità.

Anche in questo caso ne trarrai dei vantaggi come blogger, perchè, senza che tu te ne accorga, creerai una tua nicchia, una schiera di persone fidelizzate, che correrranno a leggere i tuoi post appena questi verranno pubblicati, proprio perchè interessate a quei pochi argomenti che tu hai deciso di trattare nel blog.

Quindi, se vuoi tracciare un percorso ben preciso, attraverso il quale creare la tua nicchia di seguaci e/o lettori, decidi cosa vuoi comunicare nel tuo blog. Analizza inoltre i dati statistici del blog e scopri a quali argomenti sono più interessati i tuoi visitatori.


3. Essere presente su tutti i social.


A questo punto tengo davvero tanto, poichè i social sono un po' il mio tallone di Achille.
Come blogger mi trovo molto a mio agio davanti alla pagina bianca, al momento della stesura di un testo da pubblicare. Strano, vero? Ma è così!
È ciò che viene dopo che mi ha sempre messo su un ansia da prestazione assurda: sponsorizzare il post sui vari social.

Ogni social è diverso, ha un diverso linguaggio, ha un diverso stile di approccio. Non si può pensare di fare il copia e incolla su ogni piattaforma e chi s'è visto, s'è visto.
Io facevo questo errore perchè ho sempre trovato difficoltà ad essere me stessa in un contesto al di fuori del blog. Probabilmente perchè i social ti mettono di fronte al fatto che devi esporti di più: devi metterci più spesso la faccia.

Per me non funzionava co-esistere su diverse piattaforme. Ho deciso così di cancellare definitivamente il mio account da facebook, inizialmente per motivi personali e poi perchè comunicare su quella piattaforma era diventato per me stressante ed anche inutile, se vogliamo dirlo.
Le pagine su facebook sono quasi inesistenti agli occhi dei followers. Se vuoi visibilità devi pagare.
Beh, no grazie.

Sono presente su bloglovin e twitter, ma è come se in realtà non esistessi.
Chi mi segue su twitter?
Ecco, appunto.
Ho deciso così di essere molto attiva su due social principali, instagram e pinterest, e cercare di rianimare il mio canale youtube con il nuovo anno.
Pinterest mi aiuterà a incanalare visite verso il mio blog, mentre con instagram, particolarmente con le stories, mi sto facendo conoscere meglio e sto costruendo rapporti più reali con le blogger che conosco da anni.

Quindi se anche tu hai difficoltà a trovare la giusta comunicazione forse è perchè non sei sulla piattaforma più adatta a te. Abbandona quelle che non ti fanno crescere e che sono un po' una zavorra e concentrati su quelle con cui hai più interazioni.


4. Non pubblicare costantemente post sui social.


E visto che ci siamo, facciamoci del male. Sì, parlo soprattutto per me.
Sono una blogger anti-social. Lo so io. Lo sai tu. Lo sanno tutti.
Ma ti prometto che nel 2019 m'impegnerò al massimo per migliorare questo aspetto fastidioso del mio essere blogger.
Quante volte hai sentito questa frase? Lo so, ti sono vicina.

Le blogger che pianificano i post sui social per me sono da elogiare sempre (sempre per il discorso della diversa comunicazione nei vari canali social di cui ti ho parlato sopra). Le blogger, però, non le instagramer. Sono due cose diverse, lo sapevi giusto?
Appurato questo, ti chiedo: tu pianifichi i tuoi social post? E di questi pianificati quanti riesci a pubblicarne?

Perchè ti faccio queste domande? Semplice, perchè penso che pianificare non significhi necessariamente pubblicare. Questo è quello che succede a me, per esempio.
Pianifico una serie di post, uniti fra loro da un filo logico, ma poi non riesco ad andare oltre. La difficoltà del non saper fare foto decenti, curarne tutti gli aspetti, e editarle perchè siano armoniose fra loro, è un ostacolo che mi impedisce di vivere appieno il social che più di tutti ho sempre amato: instagram.

È anche vero però che andare alla continua ricerca della foto perfetta mi sta precludendo il divertimento di esprimere me stessa attraverso il piccolo occho della fotocamera del mio cellulare.
Un altro risultato è che sto perdendo anche l'opportunità di crescere e l'unica cosa che sto guadagnando è la perdita dei followers.
Bello, vero? Ehmm... no.

Quindi, il consiglio che ti dò è... non fare come me! Pubblica in modo costante sui tuoi social preferiti e comunica allo stesso modo in cui comunicheresti sul tuo blog.
Tutto il resto è fuffa.


5. Non prendere in considerazioni la monetizzazione del blog.


Ancora oggi sono convinta che il blog debba essere un luogo immacolato, senza la deturpazione dei banner di adsense.
Ti prego, se hai nel blog questi banners messi un po' dappertutto, nella sidebar, sotto l'header, ogni due post e in ogni singolo post, ti prego fai subito una cosa: toglili!
A meno che il tuo blog non abbia migliaia di visite al mese con persone buone di cuore che cliccano sui banners, questo metodo ti porterà difficilmente un guadagno dal tuo blog.
Se mi sbaglio e la tua esperienza è ben diversa, per favore scrivimelo nei commenti!

A me personalmente non piacciono i blog pieni di tutta quella pubblicità, solitamente li abbandonavo ma ora ho adblock, una estensione per browser che mi consente di navigare senza visionare la pubblicità nei siti, quindi problema risolto.

Preferisco, e anzi lo trovo molto più professionale, un blog con uno spazio messo in vendita, nella sidebar, dedicato alle sponsorizzazioni. Ecco questo è uno degli obiettivi che mi sono posta per il nuovo anno.
Certo è difficile da ottenere, soprattutto se non hai grandi numeri da presentare. Ma anche questo fa parte del processo di crescita come blogger: uscire dalla propria zona di comfort e andare in cerca di aziende disposte a collaborare e ad acquistare uno spazio sul proprio blog.

Quindi, vogliamo far crescere il nostro blog? Vogliamo crescere come blogger o vogliamo restare quelle donne che tanti anni fa hanno deciso di avere un blog solo per hobby?
Io voglio crescere come blogger! Chi è con me?


Spero che questo post ti sia un po' di aiuto per fare il punto della situazione, come blogger.
Scrivimi nei commenti cosa ne pensi e se c'è qualche sbaglio che hai fatto al quale vuoi assolutamente rimediare con il nuovo anno.

Lo sai che io adoro i tuoi commenti, in pratica mi fanno venire gli occhi a cuoricini.
Bye!


Ti è piaciuto questo post? Pinnalo!

Trovare il mio posto nel web: torno alle origini.
in: //

Trovare il mio posto nel web: torno alle origini.



Se c'è una cosa che ho notato è come sia cambiato il modo di essere blogger da qualche anno a questa parte.
Certo lo so che lo hai notato anche tu, ma se penso che bazzico la blogosfera da ormai 10 anni... beh, mi piange il cuore.

No, no, tranquilla... questo post non vuole essere polemico, nostalgico magari, ma non polemico.

Anzi, ti dirò di più: qui ti spiegherò perchè ho deciso di tornare alle origini, ad una visione più classica del mio blog, nonostante in questi ultimi due mesi io abbia creato dei template davvero niente male e molto in linea con il trend del momento.

Tutto nasce, ovviamente, dal ri-esaminare la mia situazione di blogger, in questo preciso contesto della storia del web.

  1. A che punto sono arrivata?
  2. Che sensazioni provo nel guardare il mio blog?
  3. Quanta voglia ho di scrivere e condividere un nuovo post?
  4. Quanta voglia ho di comunicare nel web?

Beh, l'ultima domanda è pesante, vero?
Credo, però, che racchiuda il mio malessere di questi ultimi mesi.
Comunicare in un contesto in cui è difficile collocare sé stessi è una bella impresa.

Sarà che sono troppo perfezionista, ma mi riesce difficile trasmettere professionalità, divertimento, semplicità, giocosità e molto altro nei miei account social.
Mettici pure un po' di vergogna, perché bene o male ti seguono pure gli amici della vita reale, con i quali non è sempre facile essere sé stessi al 100%, così come lo sono in famiglia per intenderci.

No, non è per niente facile!

E quand'è che lo stress aumenta?
Quando ti propinano le regole d'oro per avere più visibilità, per avere un bel feed!
Perchè se poi si abbina a tutto il contesto del blog è ancora meglio.
Ma una impedita come me va in crisi solo a guardare il cellullare (con il quale dovrei fare i miei bellissimi scatti).
Figuriamoci a pensare di fare un calendario editoriale, cercando di scegliere foto e didascalia da contestualizzare in un mese intero.
A me viene l'ansia da prestazione... A voi no?

Per fortuna si trovano poi quelle persone su instagram che ti danno consigli abbordabili nel mio caso, soprattutto per la fotografia. Ad esempio, un metodo consigliato da Ilaria di idainteriorlifestyle ai principianti (e caspita se lo sono io) è quello di scegliere un colore e fotografare soggetti con quel colore specifico. Alla fine si otterrà una gallery già bella e pronta.
Troppo semplice?
Io lo trovo geniale per le mie capacità e non vedo l'ora di cominciare!

Quindi questione IG archiviata (per il momento).

Ma torniamo di corsa, così come sono volata via, all'argomento blog.

All'inizio avevo programmato di dare una svolta radicale al mio sito rendendolo più professionale nella struttura.
Avevo pensato ad una homepage che potesse fungere da vero ingresso nel mio sito, come quando entri in una casa e ti trovi nel corridoio sul quale si affacciano le porte delle stanze più belle, quelle che si vogliono mostrare.

Avevo pensato ai servizi offerti come blog designer in maniera simpatica, creando delle icone appositamente per questo.
Ma guardando e riguardando quello stile lo vedevo troppo distante dalla mia personalità.

'Ecco ci risiamo', ho pensato, 'voglio per forza di cose adeguarmi e seguire la corrente'.

SAPETE CHE COSI' FACENDO CI SI FA UNA GRANDE VIOLENZA PSICOLOGICA?


Così ho staccato la spina e per quasi un mese intero non ho acceso il pc!

Nel frattempo ho riflettutto sulla terza domanda: quanta voglia ho di scrivere e condividere un nuovo post?
Nella situazione attuale, nessuna!

E poi da brava sognatrice, romanticona e nostalgicona che sono, ho pensato a come era bello quando scrivevo su sketch your blog.

Solo post che amavo scrivere e condividere con tanto entusiasmo.
Pura semplicità... In parole povere: IO!

Quindi, e mi accingo a concludere questo post (che sta diventando incasinato persino per me che l'ho scritto), ho deciso di tornare alle origini:
look semplice ma fresco e moderno.

Ah dimenticavo il logo, o meglio l'header del blog!
Perchè fatto così?
Perchè sì!

Baciozzi
Come riorganizzare post, pagine e categorie del blog
in:

Come riorganizzare post, pagine e categorie del blog



Quando pensi al decluttering ti viene subito in mente il metodo Konmari, almeno credo, comunque di certo pensi a quello che di solito si fa in casa, per togliere di mezzo un po' di roba inutile.

Ecco con il blog andrebbe fatto proprio questo, di tanto in tanto.
Perchè? Perchè i tempi cambiano, le mode pure e gli interessi altrettanto!

Il blog non può e non deve restare fisso, perennemente statico. E no, non mi riferisco alla grafica da cambiare ogni due mesi.
Mi riferisco al modo di presentare i contenuti e agli elementi che ne fanno parte.

Qui di seguito ti ho scritto, per grandi linee, il metodo utilizzato da me per snellire il blog (almeno se non ci riesco con il mio corpo... ma questa è un'altra storia).


POST


Quando ho deciso di rilanciare il blog con uno stile tutto nuovo, sono andata a ritroso nella cronologia dei post, e ho dovuto prendere delle decisioni che forse sono un po' drastiche, ma ho dovuto farlo per il bene del blog stesso.

Ho deciso di eliminare dal blog alcuni vecchi post, non cancellandoli, ma rimettendoli in 'bozza'.
L'ho ritenuto fortemente necessario perchè, avendo aperto il blog nel 2008, ho scritto delle cose che ora non sono più coerenti con la mission del blog, con lo scopo che ho oggi io come blogger, e con l'obiettivo del blog stesso.

Quindi, per capire se anche tu sei nella mia stessa situazione, poniti due domande:

  • i vecchi post, quanto rispecchiano l'obiettivo del blog?
  • sono davvero necessari agli utenti, o sono lì solo per fare numero?

Visto che nel mio caso rispondevano negativamente a queste (e ad altre) domande, ho deciso di privarmene; in questo modo ho potuto mantenere una linea di post pressoché coerente fra loro.


PAGINE


Le pagine sono un elemento che ho rivalutato tantissimo negli ultimi anni!
Ho deciso di renderle molto più professionali, eliminando la sidebar nella loro visualizzazione perchè non ce n'era bisogno.
La pagina, infatti, deve avere l'obiettivo di comunicare in modo efficace qualcosa, che sia la pagina about (leggi come scrivere la pagina about perfetta) o i contatti o, ancora, i servizi offerti.

Qualcuno però potrebbe andare nel panico, perchè Blogger non dà la possibilità di nascondere la sidebar dal pannello Personalizza.
È vero, bisogna andare ad agire nell'HTML attraverso dei codice che vengono definiti condizioni.
Vedrò di realizzare qualche tutorial a riguardo, se il tempo me lo concede.


CATEGORIE


Non a caso le ho lasciate per ultime, e non a caso vi dedicherò un post apposito.
Le categorie, o meglio etichette per noi che siamo sulla piattaforma Blogger, sono molto spesso utilizzate in modo errato.
Lo facevo anche io, quando non ne conoscevo le potenzialità e non pensavo minimamente di usarle con moderazione.

Molte blogger, infatti, in particolare chi è alle prime armi, ne inserisce un numero smisurato in un post, quasi come fossero hashtags, pensando che più etichette si inseriscono e più vengono fuori nei risultati di ricerca di google.
Mi spiace dirlo ma non è così che funziona, tanto è vero che se controlli il file robots noterai che l'indicizzazione delle etichette è inibita.
Lo so, ci sono rimasta male anche io quando l'ho scoperto.
Ma anche a questo c'è rimedio andando a cancellare l'indicazione nel file robots.

Le etichette devono essere utilizzate con lo stesso criterio delle categorie presenti in WordPress, o quasi, ma l'argomento è troppo ampio e importante, a mio parere, per essere trattato così nel mezzo di questo post.
Ciò che ti suggerisco, adesso, è quello di guardare quante etichette hai inserito: se sono più di 20, allora prendi carta e penna e inizia a scrivere quelle che racchiudono meglio i post che hai scritto, meglio ancora quelle che ti aiutano a comunicare il tuo obiettivo.

Di sicuro su instagram ho intenzione di parlare di questo e di altri argomenti, a tema Blogger, nelle stories (potrai poi trovarle nelle storie in evidenza).

seguimi su

Bene, spero che in qualche modo ti abbia fatto riflettere su alcuni punti per migliorare il tuo blog.
Se non hai ben chiaro qualcosa, lascia un commento qui sotto, così che io possa aiutarti in qualche modo.

Ormai sai quanto mi rendono felici i tuoi commenti!