Visualizzazione post con etichetta blogging. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta blogging. Mostra tutti i post
7 errori da non fare con il blog!
in:

7 errori da non fare con il blog!



In questo ultimo periodo, da quando ho deciso di avviare al rebranding il mio blog, ho capito quanto stupidi sono certi errori che si fanno per pura #voglia-di-fare-in-fretta-sennò-chissà-quale-cataclisma-arriverà.
Certo, certo...

Eppure, nonostante io mi ripeta che devo riflettere prima di fare passi avventati, ecco che puntualmente arriva il famoso cataclisma!

Oggi voglio quindi condividere con voi alcuni errori che ho fatto e che vi consiglio di non fare.
Non tutti sono stati miei errori, alcuni li ho visti in giro per il web... e non è stato proprio gradevole...



1. GLITTER: USARE CON CAUTELA


Se hai un blog 'puccioso' o 'kawaiioso' l'istinto di mettere qua e là qualche glitter lo avrai sicuramente. E fino a quando resti sul 'qua e là' può essere ancora accettabile. Ma è quando i glitter prendono il sopravvento che la grafica del blog diventa micidiale!
Sì, perchè ti trovi davanti una homepage VIVA!
Tutto si muove!
Ogni cosa sembra farti l'occhiolino!
E tu ti perdi in questa danza ipnotica di stelline che si fanno grandi e poi piccole, poi di nuovo grandi e poi ancora piccole...
Alla fine non ricordi neanche più il motivo per cui sei arrivata su quel blog, perchè ormai sei rimasta accecata, bombardata dai glitter del puntatore del mouse, del gadget che ti dà il benvenuto, di quello che conta gli anni del blog, dei divisori dei posts, e così via...
Ti piacciono i glitter? Nulla in contrario, ma usali con cautela perchè non tutti i visitatori ne vanno matti!


2. ROSA: IDEM COME SOPRA!


Una volta sono capitata in un blog (straniero, lo specifico perchè non vorrei che qualcuno si sentisse chiamato in causa) che aveva un bel background rosa, un header rosa, i glitter rosa, scritte rosa, link rosa (di una tonalità più scura però), sfondo dei post e della sidebar rosa.
Ora... Il rosa è un colore che ho rivalutato negli anni, ma c'è davvero tutto questo bisogno di far diventare il blog delle BigBubbles???
Il rosa può diventare un colore molto elegante e 'maturo' se abbinato al grigio...
Di più, con il rosa, non riesco a dirvi... Sorry.

3. SPAM E AFFINI: SE LO FAI, LO STAI FACENDO NEL MODO SBAGLIATO.


Quando si inaugura il blog, la prima cosa che passa per la mente è "Mi leggerà mai qualcuno? Dove lo condivido?".
Beh non condividerlo di certo sul mio blog come se fossi tu la protagonista di Shining, con tanto di occhi stralunati e bava alla bocca!
Ormai i social fanno questo 'sporco' lavoro al posto tuo e di certo non hai bisogno di commentare con frasi del tipo 'Bello il tuo blog. Nuova follower, ricambi?'...
Certo ricambio, soprattutto se sei una neo blogger (mi piace sostenere i neonati), ma non è corretto!
Così come non è corretto lasciare il link del tuo blog all'interno del commento. Non si fa!!!
Usa bene i social e sicuramente il tuo blog inizierà ad avere la cerchia di followers davvero interessata ai tuoi contenuti, non un numero di persone che hanno ricambiato ma che non lo sono ;)


4. NEWSLETTER: SE CE L'HAI, USALA!!!


E qui partono i consigli che ti dò davvero come una mamma.... come una zia... meglio.
Avere una newsletter è importante, quasi fondamentale per un blog: richiama a sé i followers che sono talmente interessati che vi si sono iscritti.
Allora perchè abbandonarli?
Eh, Simona...perchè li hai abbandonati???
E' un grosso impegno (lo so, lo so), ma se lo hai preso devi mantenerlo...
Non procrastinare!!!!!


5. IL NOME DEL BLOG: STAI SUL VAGO, A MENO CHE...


Io invidio come una pazza chi apre il blog per la prima volta e sa già come deve essere il suo percorso.
Cavolo, che fortuna...
Io invece ho impiegato ben 8 anni per arrivare fino a qui.
Vi sembra tantissimo? Effettivamente lo è.
Ma il blog è cresciuto con me, anzi con la mia percezione di essere blogger, perchè è facile quando hai 1 passione da condividere con chi sai tu... ma è estremamente complicato quando hai 120468641 passioni reali e non sai come gestirle in un unico posto.
E' drammatico, ti sembra quasi di fare un torto a qualcuno se ne scegli uno piuttosto che un altro. (delirante, lo so, lo so)
Ecco perchè vi consiglio di scegliere un nome per il vostro blog che sia vago, che lasci intendere e sottointendere.
Poi vabbé, altro non riesco a dirvi, già è stato un casino scegliere il mio di nome.


6. CAMBIO DEL NOME: ACQUISTA UN DOMINIO!


Altro tasto dolentissimo!!!
Avete scelto il nome, che poi col passare del tempo non vi sembra più adatto a voi, ai vostri contenuti. Che fate? Ovviamente NON fate come me!
Non cambiate il nome del vostro blog su blogger!!!
Acquistate un dominio!!!!!!!!!!!
(i punti esclamativi indicano che quanto scritto qui sopra sia davvero rilevante al fine di non perdere visibilità e salute mentale!)


7. NON SCRIVERE SOLO PER GLI ALTRI!


Se vuoi restare a lungo nella blogosfera con la salute mentale intatta, questo consiglio lo devi seguire come se non ci fosse un domani.
Il blog nasce come diario personale, è una tua necessità.
Nessuno ti chiede di aprire un blog, è una tua scelta e, come tale, deve continuare ad essere il luogo in cui TU sei la protagonista!
Il mio errore più grande è stato quello di permettere a fonti esterne di farmi perdere il gusto di bloggare.
Quando il blog diventa impersonale fermati! 
Vuol dire che è ora di analizzare ciò che hai fatto fino a quel momento e di valutare bene come continuare, altrimenti ti ritroverai ad essere una blogger con tanti sensi di colpa verso il tuo blog, i tuoi followers, e il mondo intero, per il semplice fatto di non essere rimasta fedele al progetto iniziale.


Bene la mia guida quasi seria finisce qui. Spero vi sia piaciuta!
Ditemelo nei commenti... ma non spammate :P


Come scrivere la pagina ABOUT perfetta
in:

Come scrivere la pagina ABOUT perfetta

Scrivere una ABOUT PAGE sui nostri blog è di vitale importanza per farci conoscere e/o per far crescere il nostro business, se il nostro blog deve arrivare ad un target clienti.

Se il tuo è un blog personale...


L'about page ti servirà senz'altro per fare emergere aspetti che non vengono fuori dai tuoi post: lavoro, famiglia, cibi preferiti, l'evento memorabile della tua vita, ecc...
Per un blog personale, nel quale vengono espresse e condivise le proprie passioni, è  molto più semplice descriversi, perchè il rapporto con il lettore è già reso confidenziale dalla tipologia di post.




Il discorso è ben diverso in un blog che mira anche a raggiungere un target clienti.

Se il tuo blog è anche un business...


L'about page ti aiuterà a comunicare al target quali sono le tue SKILLS, le abilità, e far presente i servizi che si offrono.
Ma come si fa a rendere personale un about page, in questo caso, senza che sembri una sorta di currilum vitae?


Io ci sono riuscita rispondendo a 4 domande: CHI - COSA - QUANDO - PERCHE'.

CHI → chi siamo è fondamentale, fa sentire il lettore a contatto con un'entità reale, anziché virtuale. Parlare in linea di massima della propria vita familiare e del luogo in cui si vive di certo servirà anche alla blogger stessa a rompere il ghiaccio e a sentirsi all 100% a casa sua, in un ambiente che è il web, che tutto può definirsi tranne casa.

COSA → cosa sai fare e come questo ti rende unica nel tuo genere; può sembrare facile rispondere, ma solo conoscendo bene ciò che fai puoi riuscire a spiegarlo agli altri in modo breve e chiaro. Credimi io lo so!

QUANDO → quando hai iniziato il tuo progetto sul web può dare una indicazione di come sei cresciuta negli anni e...

PERCHE' → lo hai fatto, mettendo in evidenza le motivazioni del perchè ciò dovrebbe interessare a chi legge la tua about page. In parole povere è qui che devi sfoderare il tuo fascino! Qui giunge, infatti, il momento in cui ti proponi come la risolutrice dei problemi altrui attraverso i tuoi servizi e le tue abilità.

Ovviamente, inserire delle foto attinenti al contenuto della tua about page rende più bello visivamente questo spazio, che deve diventare il tuo cavallo di battaglia... o quasi.
La scelta delle foto dev'essere accurata: devono parlare di te, delle tue passioni, della tua attività e, magari, della tua vita.



Io ho trovato davvero molto utile questo sistema per creare la mia about page, che è risultata molto più adeguata al nuovo stile che il mio blog sta seguendo.

Se trovate utile questo post fatemelo sapere nei commenti qui sotto, e magari condividetelo!


→ Se non sei una cima a fare fotografie (come me) puoi recuperare qualche immagine, come quelle presenti in questo post, sul sito unsplash.com. Tutte le immagini di questo sito sono con licenza Creative Commons Zero,
About page: i miei preferiti!
in:

About page: i miei preferiti!

Cos'è che ha quel blog che il mio non ha???

Perchè se tratto gli stessi argomenti, a volte meglio (secondo noi), i miei non se li fila nessuno?????
Siamo soli in questo universo????????????


Ditemi se queste non sono domande che non vi siete poste anche voi!
(soprattutto l'ultima me la pongo sempre... e non scherzo)

Perchè tanti sforzi, soprattutto agli inizi, sembrano non dare risultati soddisfacenti?
Diciamolo, però, per risultati soddisfacenti intendiamo 1000 visite al giorno... crepi l'avarizia!

In effetti un mea culpa me lo sono fatta, e magari qualcuno sarà d'accordo con me: sono io che non dò abbastanza a chi si trova, per caso o no, sul mio bel blogghino.
Quindi le cause di tale insuccesso, se mai possiamo chiamarlo così, sono da ricercare nel mio modo di fare blogging, di certo non da qualche altra parte.

Vorrei prendere ad esempio qualche blog, e, soprattutto, qualche elemento fondamentale che possa ispirarci, in modo da far comparire quel cuoricino negli occhietti dei visitatori, e far pensare loro, stavolta, lo vorrei così il mio blog.

Come al solito, tengo a precisare che queste sono mie personali, soggettive e non infallibili opinioni, di conseguenza prendetele come tali, e non come verità assoluta!

WordPress o Blogger: quale scegliere?
in: // //

WordPress o Blogger: quale scegliere?

Wordpress vs Blogger Simons S.
In molti casi mi è capitato di rispondere alle domande proprio su questo argomento:

Che differenza c'è fra WordPress e Blogger?
Qual'è il migliore?


Ci tengo a precisare che parlo per esperienza diretta: lo conosco benissimo, sono nata con wordpress, ho familiarità, quindi, con i suoi codici, i suoi plugin, ecc...
Quindi ciò che scriverò è veramente ponderato.

Ma andiamo con ordine.

Cos'è WordPpress?

WordPress nasce come CMS (content management system), ovvero, per dirla in lingua comprensibile a noi poveri umani, è un pacchetto 'preconfezionato', che non richiede doti tecniche, di facile installazione e che facilita la gestione di un blog/sito web.

Nasce originariamente come strumento di pubblicazione per blogger, con una linea semplice: un corpo, una sidebar, un menu.
Poi ha iniziato ad evolversi, grazie anche allo sviluppo dei plugins applicabili al suo sistema che migliorano l'utilizzo e anche l'aspetto grafico (in alcuni casi).
Questo miglioramento ha portato wordpress ad essere il CMS più utilizzato al mondo, principalmente dai magazine online.

Ma allora ci stai consigliando di utilizzare WordPress


Mmmh, non è detto. E ora vi spiego il perchè.
C'è un po' di confusione per quanto riguarda wordpress.org e wordpress.com.

Wordpress.org self hosted è il sito da cui scaricare il pacchetto di wordpress, temi gratuiti e plugins; self hosted perchè devi essere in possesso di uno spazio web acquistato su un qualsiasi servizio hosting (necessariamente Linux) come ad esempio aruba, register, 1&1, godaddy, e chi più ne ha più ne metta... Quindi tu carichi, tu installi, tu sei il proprietario indiscusso dei contenuti del sito!

Wordpress.com è la piattaforma che wordpress stesso ha creato dopo l'avvento di Blogger, dando così la possibilità agli utenti di aprire un blog e gestirlo semplicemente registrandosi e seguendo alcuni passi guidati.
Facile, no? Avere un sistema di blogging migliore di Blogger (apparentemente oserei dire), gratuitamente e con pochi semplici passaggi.
Beeeeh non la metterei proprio su questo piano.
E ora vi spiego perchè secondo me non è tutto oro quello che luccica, mettendo a confronto WordPress e Blogger con una bella lista di pro e di contro.

Partiamo da WordPress.

pro

  • gestione degli articoli e delle pagine molto semplici.
  • gratuito, ma con l'estensione mioblog.wordpress.com.
  • puoi installare un e-commerce e ampliare il tuo sito

contro

  • non permette di installare plugin.
  • inserisci pubblicità di terze parti che si possono rimuovere solo effettuando l'upgrade dell'account, ovvero pagando.
  • il dominio non ti libera dai vincoli e non ti dà la facoltà di installare plugin o personalizzare i temi.
  • per poter personalizzare il tema devi pagare ulteriormente i diritti al suo creatore.

Inoltre per fare l'upgrade dell'account devi pagare un botto di soldi!
Ecco con questi termini di utilizzo, onestamente non so quanto possa essere conveniente wp.com.

E Blogger?

Blogger è...
  • gratuito, veramente gratuito
  • non ti appioppa pubblicità se non sei tu a decidere di inserirla nel tuo blog
  • puoi personalizzare il template facilmente, aggiungendo script e widget a gogò
  • è un prodotto di Google, questo vuol dire che registrandoti, ovvero creando un account gmail, ti dai l'opportunità di spaziare fra tutti i suoi prodotti: blogger, youtube, google+, drive, calendar, adsense, ecc....
  • si riesce a creare una rete di blogger quasi in modo naturale, grazie anche a g+
  • e poi è semplice da usare, e per chi comincia a bloggare è fondamentale!

Credo che ormai abbiate capito cosa ne penso sulla questione WordPress vs Blogger.
Certo per avere un dominio di primo livello (es.mioblog.com) bisogna fare una procedura di reindirizzamento non proprio  semplice, ma se non altro i siti affiliati a questo scopo (tipo godaddy e 1&1) hanno dei buoni prezzi di partenza.

Onestamente mi trovo molto bene con blogger per ritornare a wordpress, a meno che non decide di creare un sito ufficiale, con tanto di blog e shop online incorporato.
Allora, ma solo allora, potrei optare per wordpress, ma in versione self hosted!

Spero che questo mio post vi sia stato d'aiuto, fatemelo sapere nei commenti!
E mi raccomando condividetelo ovunque!!!

Per approfondire

Come importare il blog da Blogger a WordPress
5 consigli per migliorare il tuo blog. Ecco cosa non deve mai mancare!
in:

5 consigli per migliorare il tuo blog. Ecco cosa non deve mai mancare!

Toh, guarda chi si rivede! (penserete voi...e avete ragione!)
E che vi devo dire, ormai mi conoscete e ogni tanto mi dileguo, poi ritorno...

Ma se mi state leggendo, quasi sicuramente, lo fate perchè siete curiosi di sapere quali sono questi consigli.
Ebbene, io vado sempre in giro a curiosare per i blog, e devo dire che mi fa sempre molto piacere far visita alle neo blogger che si affacciano in questa realtà, la blogsfera, con un atteggiamento positivo e pieno di speranza.
E non vi nascondo che il più delle volte sono la prima a diventare loro follower, perchè in me persiste il concetto che bisogna sostenersi le une con le altre per creare una rete!

Solo che in qualche blog non ho avuto la possibilità di seguire la blogger... e allora ecco dei piccoli consigli per migliorare il vostro blog!

migliora il tuo blog Simona S.




1 - Aggiungi il gadget dei LETTORI FISSI.

Appena apri un blog, è la prima cosa alla quale devi pensare, se vuoi che i visitatori abbiano la possibilità di tornare a leggerti e persino di commentare! Inoltre è un buon punto di riferimento per te se vuoi sapere quali blogger contraccambiare, anche per semplice cortesia... è una delle regole della blogetiquette.
Dove lo trovi il gadget? Nel pannello di amministrazione del tuo blog, nel menu a sinistra, in LAYOUT.
E se non lo trovi, eccoti un mio vecchio tutorial su cosa fare ;)


2 - Fammi collegare ai tuoi social.

Ormai siamo dappertutto, perchè per chi ha un blog è quasi obbligatorio essere dappertutto!
Se sei su Instagram, o hai una pagina su Facebook, o ti piace cinguettare su Twitter, o ti piace vloggare su Youtube... beh devi dirlo assolutamente sul tuo blog!
Aiutati con i social icons: puoi trovarne di gratuiti o a pagamento, oppure puoi personalizzarli tu nei colori, così come ho fatto io per il mio blog.
E' molto semplice, basta seguire questo tutorial!


3 - Se non lo trovo, lo cerco nel blog!

Aggiungere il gadget 'cerca nel blog' ha una doppia utilità: salva il visitatore che è alla ricerca di qualcosa che aveva già visto, magari in una visita precedente, e salva te perchè dimostri che il tuo blog è User Friendly!
Anche questo, come per ogni gadget di base, lo trovi in LAYOUT. Questo è un gadget abbastanza importante, quindi fa che sia bene in vista, o comunque facile da trovare; ad esempio, nella sidebar, non relegarla alla fine o nel centro fra tutti gli altri gadget, piuttosto piazzala in cima.


4 - Etichetta o categoria... l'importante è che ci sia!

Beh, sono la stessa cosa. Inserire le etichette è di fondamentale importanza per catalogare il post sia all'interno del blog che per facilitare la posizione all'interno di un motore di ricerca (Google, un esempio a caso).
L'Etichetta o Tag equivale all'hashtag di Instagram, per intenderci.
Mi raccomando però a non esagerare e, soprattutto, ad inserire le tags pertinenti al post.


5 - Parla di te!

E su questo punto ci lavorerò presto anche io, perchè ho rimandato per troppo, troppo tempo...
Sto parlando dell'ABOUT PAGE!
La pagina che ci descrive in tutto.

  • Inseriamo una nostra foto, per dare un volto al tuo blog.
  • Raccontiamo qualcosa di noi (non la biografia completa), le nostre passioni, ecc...
  • Diciamo da dove è nata l'idea di avere un blog!




Spero che questa mini guida vi sia piaciuta, e che mi sia fatta perdonare per la mia assenza.
Se così è stato lasciate pure un commento :)