Visualizzazione post con etichetta HowToBlogging. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta HowToBlogging. Mostra tutti i post

23.2.18

Blog decluttering: riorganizzare post, pagine e categorie

Blog decluttering: riorganizzare post, pagine e categorie

23.2.18

· ·


Quando pensi al decluttering ti viene subito in mente il metodo Konmari, almeno credo, comunque di certo pensi a quello che di solito si fa in casa, per togliere di mezzo un po' di roba inutile.
Ecco con il blog andrebbe fatto proprio questo, di tanto in tanto.
Perchè? Perchè i tempi cambiano, le mode pure e gli interessi altrettanto!

Il blog non può e non deve restare fisso, perennemente statico e no, non mi riferisco alla grafica da cambiare ogni due mesi.
No, mi riferisco al modo di presentare i contenuti e agli elementi che ne fanno parte.

Qui di seguito un accenno del metodo utilizzato da me per snellire il blog (almeno se non ci riesco con il mio corpo... ma questa è un'altra storia).


POST

Quando ho deciso di rilanciare il blog con uno stile tutto nuovo, sono andata a ritroso nella cronologia dei post, e ho dovuto prendere delle decisioni che forse sono un po' drastiche, ma sì ho dovuto farlo per il bene del blog stesso.
Ho deciso di eliminare dal blog alcuni vecchi post, non cancellandoli, ma rimettendoli in 'bozza'.
Questo per me è stato necessario perchè, avendo aperto il blog nel 2008, (quiindi sono ben 10 anni di blogsfera per me) ho scritto delle cose che ora non sono più coerenti con la mission del blog, con lo scopo che ho oggi io come blogger, e con l'obiettivo del blog stesso.

Quindi, per capire se anche tu sei nella mia stessa situazione, poniti due domande:

  • i vecchi post, quanto rispecchiano l'obiettivo del blog?
  • sono davvero necessari agli utenti, o sono lì solo per fare numero?

Visto che nel mio caso rispondevano negativamente a queste (e ad altre) domande, ho deciso di privarmene; in questo modo ho potuto mantenere una linea di post pressoché coerente fra loro.

PAGINE

Le pagine sono un elemento che ho rivalutato tantissimo negli ultimi tre anni!
Ho deciso di renderle molto più professionali, eliminando la fastidiosa sidebar nella loro visualizzazione perchè non ce n'era bisogno.
La pagina, infatti, deve avere l'obiettivo di comunicare in modo efficace qualcosa, che sia la descrizione della mia persona (con la pagina about) o che siano i contatti o, ancora, i servizi offerti.
Qualcuno però potrebbe andare nel panico, perchè Blogger non dà la possibilità di nasconderla dalle pagine dal pannello Personalizza.
No, è vero, ma se mi seguirai durante le mie dirette su instagram al mio account @lacreativeroom ti mostrerò anche come fare questo e molto altro!
(in fondo al post ti lascio tutte le indicazioni)


CATEGORIE

Non a caso le ho lasciate per ultime, e non a caso vi dedicherò, penso, una diretta intera.
Le categorie, o meglio etichette, per noi che siamo sulla piattaforma Blogger, sono molto spesso utilizzate in modo errato. Lo facevo anche io, quando non ne conoscevo le potenzialità e la concezione di usarle con moderazione.
Molte blogger, infatti, in particolare chi è alle prime armi, inserisce in un post un numero smisurato di etichette, quasi come fossero hashtags, pensando che più se ne mettono e più vengono fuori nei risultati di ricerca di google.
Mi spiace dirlo ma non è così che funziona.
Lo so, ci sono rimasta male anche io quando l'ho scoperto.
Le etichette devono essere utilizzate con lo stesso criterio delle categorie presenti in Wordpress, anche se sono meno indicizzate dai browser, ma questa è un'altra storia che merita un approfondimento tutto suo.
Così come merita un post tutto suo l'argomento 'etichette', perchè è troppo ampio e importante, a mio parere, per essere trattato così nel mezzo di questo post.
Ciò che ti suggerisco, adesso, è quello di guardare quante etichette hai inserito: se sono più di 20, allora prendi carta e penna e inizia a scrivere quelle che racchiudono meglio i post che hai scritto.
In altre parole, se, facendo pulizia nell'armadio, sistemiamo delle scatole con le etichette 'pigiami', 'maglie', 'jeans', all'interno di orni scatola andrò ad inserire solo l'elemento che gli appartiene.
Più ampio sarà il contenitore sarà invece se l'etichetta sarà 'cotone', 'lana', ecc...
Ma qui entreremmo nel discorso delle sottocategorie, e come ti ho già spiegato prima, questo è un argomento troppo complesso, che merita una certa cura e attenzione.
Di sicuro lo affronterò in una delle mie prime dirette.

seguimi su

Bene, spero che in qualche modo ti abbia fatto riflettere su alcuni punti e, se non hai ben chiaro qualcosa, lascia un commento qui sotto, così che io possa aiutarti in qualche modo.

Spero anche che ti abbia preparato agli incontri settimanali con me su instagram. Attraverso le dirette, infatti ti darò dei consigli mirati per il blogging e, sopratutto, ti mostrerò come migliorare graficamente il tuo blog, svelandoti anche qualche mio trucchetto.
A supporto di questo mio nuovo progetto, ho aperto il gruppo privato de LaCreative Room su facebook, così avrai sempre a disposizione le dirette (che altrimenti sparirebbero su ig dopo 24 ore) e i file con i codici che io utilizzerò!
Mi farebbe davvero tanto piacere se tu partecipassi!
Baci xo

8.2.18

Come rendere accattivante il tuo blog post

Come rendere accattivante il tuo blog post

8.2.18



Scrivere un buon post è vitale per il blog!
Ma cosa si intende per un buon post?

Personalmente ritengo che un buon post debba avere un contenuto di qualità:
  • nella forma grammaticale;
  • nella sua estensione;
  • nel movimento della parte testuale;
  • nelle immagini ben curate.

Non credo abbia bisogno di spiegazioni: scrivere correttamente, facendo meno errori grammaticali possibili è il minimo, Ciò però non significa scrivere un testo che sembri un saggio di filosofia. Dobbiamo sempre essere noi stessi, riconoscerci in ciò che scriviamo, scrivere 'come magnamo' ma senza sbrodolarci troppo addosso.


Per estensione io intendo la lunghezza del post, il numero delle parole. Un tempo si pensava che il post ideale doveva contenere 300 parole, ora sembra non essere più così, principalmente perchè imotori di ricerca privilegino gli articoli con 2mila e più parole, ritenendoli valide e approfondite fonti.
Tutto dipende, comunque, dall'obiettivo che vuoi raggiungere quando tratti un determinato argomento.
Questo non significa che bisogna buttare giù una infinità di cose scritte lì per caso, tanto per riempire la temibile 'pagina bianca'.
Il punto è: cosa vuoi comunicare?
In un post di utility come questo (ovvero nel quale si tratta un argomento che può essere utile alla nicchia di utenti che seguono il blog, in questo caso bloggers), il mio obiettivo è mostrarti come può essere interessante un articolo se curato in tutti i suoi aspetti, sia dal punto di vista lessicale che visivo.
E' fondamentale però non menarla troppo per le lunghe, perchè siamo troppo abituati, ormai, con i social media, a leggere contenuti brevi e soffermarci di più sulle immagini.
Quindi l'ideale sarebbe trattare l'argomento con il giusto approfondimento, ponendoci degli obiettivi da raggiungere.


Ovvero la formattazione.
Leggere un testo scritto tutto allo stesso modo è un tantino noioso. Non mi fa capire se ci sono parole sulle quali l'autore vuole porre l'accento, perchè magari lo ritiene importante.
Formattare un testo, usando quindi il grassetto, il corsivo, e persino la barratura, se siamo tornati su quel post e abbiamo magari aggiornato alcune informazioni, è un'ottima abitudine per non rendere statico il nostro articolo.
Magari possiamo mettere in grassetto quelle parole o quei concetti che richiamano l'obiettivo finale del post stesso.


Non smetterò mai di dirlo: non sono capace a fare foto e farle è quasi una sofferenza per me!
Fortunatamente, per quanto riguarda il blog, ho la mia ancora di salvezza che è unsplash.com.
Il sito è una gallery di immagini di qualità molto elevata e completamente gratuite; non c'è, infatti, l'obbligo di inserire i crediti.
Si può creare un profilo e salvare le immagini che preferiamo mettendo un cuoricino sulla foto; inoltre possono essere create delle collezioni a tema, o seguire quelle degli altri utenti per trovare sempre nuove ispirazioni.
Una buona immagine la considero la porta da cui entrano nuovi lettori.
Pensa solo a Pinterest e a quante volte hai visitato il sito da cui è stata estratta l'immagine, solo per vedere il contesto (testuale e grafico) nel quale è stata inserita.
A me capita spesso!


E tu hai trovato piacevole la lettura di questo post?
Anche tu pensi che un buon post vada scritto dedicandogli tutto il tempo necessario (anche tre giorni nel mio caso), o preferisci scrivere di getto e pubblicare immediatamente?

Sono molto curiosa!




per approfondire
https://www.mysocialweb.it/2016/11/10/quanto-deve-essere-lungo-un-articolo/
http://blog.tagliaerbe.com/2014/04/lunghezza-post.html
https://blog.buzzoole.com/it/business-2/quanto-deve-essere-lungo-un-post/

Ecco come rendere piacevole un post e mantenere l'attenzione dei tuoi lettori. Thanks for sharing ♥

2.8.17

Cosa settare prima di iniziare a pubblicare un post

Cosa settare prima di iniziare a pubblicare un post

2.8.17

· · ·


Appena si apre il blog la prima cosa che di solito facciamo è scrivere il nostro primissimo post, per dire al mondo intero 'Hey! Ci sono anche io!!!'

Non pensiamo a cosa settare, ovvero alle impostazioni delle pagine, dei post, della data, ecc...
Qui vi riporto qualche consiglio su come impostare in Blogger alcune funzioni, che secondo me aiutano a migliorare la visualizzazione dei post e a posizionare meglio i blog nei motori di ricerca.

Impostazioni di base

Compilate in maniera appropriata i campi del titolo e della descrizione. Questo aiuterà, chi sta facendo una ricerca su google, ad esempio, a capire quali argomenti vengono trattati nel tuo blog.



Certo non sempre si ha la certezza che la descrizione venga visualizzata correttamente: ecco perchè è importante scrivere la descrizione anche nel campo dei metatag.



Sempre nelle impostazioni, in lingua e formattazione, ricorda di impostare il fuso orario italiano, perchè altrimenti potresti correre il rischio di non vedere mai pubblicato il post quando decidi tu, al momento della pianificazione.
Credimi, io lo so!!!



Impostazioni del post

Prima di pubblicare c'è una opzione da considerare all'interno dei posts:



Questa è una delle opzioni che ritengo più importanti per una buona visualizzazione dei posts. Se non viene settata da subito, ci si potrebbe trovare di fronte a vecchi posts che conterranno doppi spazi, non proprio carini da vedere. Questo accade perchè l'opzione è valida solo per i posts futuri, non per quelli già pubblicati.

Impostazioni delle pagine

Un'opzione che forse molte di noi tralasciano è la descrizione della ricerca.
E' presente anche nel post, e devo essere sincera, ho inziato a compilare questo campo solo da poco.



Eh, ma qui parliamo di SEO, questo sconosciuto, effimero, e incomprensibile sistema che fa posizionare il sito, nei motori di ricerca, in cima all'infinita lista di blog e siti che trattano i nostri stessi argomenti.
Certo è un potente strumento, se lo si sa masticare. Ed io non è che sia proprio una grande masticatrice di SEO.
Ci sono però tanti siti dai quali attingere un po' di sapere: ve ne segnalo uno in particolare SEO per principianti di Giorgio Taverniti.

Prima di premere pubblica, modificate il Permalink, ovvero l'url del vostro post!
Blogger ne crea uno in automatico che non risulta essere sempre completo; noi, invece, abbiamo la possibilità, cliccando su link, di crearne uno personalizzato.
Ricordate solo di premere '-' al posto della barra dello spazio!

Spero che questo post vi sia un pochino utile.
Siate libere di condividere il post ovunque! (il blog ed io ve ne saremo eternamente grati ♥)
Se avete altre dritte scrivetele nei commenti.


18.7.17

Tips for blogger: 5 consigli su come generare più clicks nel tuo blog

Tips for blogger: 5 consigli su come generare più clicks nel tuo blog

18.7.17




Una delle maggiori preoccupazioni di una blogger è quella di creare contenuti interessanti, che riescano a tenere l'attenzione alta di chi ci segue e ancor di più di chi ci viene a far visita per la prima volta.
E' una cosa per la quale io penso e ripenso continuamente: come faccio a far rimbalzare l'utente da un post all'altro tenendolo il più possibile nel mio blog?

Dai non scandalizziamoci, tutte/i noi bloggers lo abbiamo pensato almeno per una volta nella vita, e quando sei blogger da quasi 10 anni, come me, inizi a pensare che fare le cose seriamente significa anche questo.
Sì! Generare più clicks all'interno del mio blog è diventata un'altra sfida per me, e se questo aiuta a posizionare il mio blog in un posticino migliore nella ricerca di google tanto meglio, no?

Come faccio a generare più clicks?

Qui entra sempre in ballo l'analisi del nostro blog, un po' come quello che vi ho spiegato nel post #HowToBlogging: Perchè aprire un blog?
Facendo infatti un'analisi del nostro blog arriviamo sempre allo stesso punto focale, attraverso le solite domande: A chi vuoi rivolgerti? Cosa vuoi proporre? Come vuoi proporlo?
Il mio obiettivo è quello di dare consigli sul blogging, proponendo articoli chiari, semplici e immediati, testati principalmente sulla mia stessa esperienza.

Per far sì che il mio scopo venga spuntato nel mio bullet journal, devo renderlo maggiormente raggiungibile generando quindi molti clicks.

Se anche il tuo obiettivo è quello di generare più clicks nel tuo blog, ecco i miei consigli:

1. Scopri cosa piace ai lettori e racchiudi i posts in categorie.

così che possano essere visualizzati in modo più veloce e ordinato. Le categorie devono essere organizzate come contenitori, dentro i quali inseriamo solo i post facenti parte a quella categoria. Poi diamo modo ai lettori di trovare facilmente ciò che cercano... Ma di questo parlerò in un post appositamente dedicato.

2. Impara dai post precedenti

perchè non sono messi lì, nell'archivio del blog a lasciare che vengano dimenticati: possono essere utilizzati come nuova fonte d'ispirazione e anche come metro di giudizio pe capire cosa piace o cosa non piace a chi ci legge. Ad esempio io ho imparato che dei miei post sulle mie creazioni handmade in feltro non fregava niente a nessuno. Mi ha fatto male? Eh... un pochino. Ma prenderne coscienza mi ha concesso invece di concentrarmi su ciò che mi entusiasma di più: il blogging!

3. Prova sempre nuove strade!

Non avere timore di essere giudicata, lo dico da una vita: il blog è tuo e sei tu a decidere cosa è più giusto per te! Io da quando ho dato il via ai cambiamenti mi sento rinata come blogger. Voglio sperimentare tutto ciò che potenzialmente è utile alla mia crescita di blogger e di professionista. E più vado avanti e più mi convinco che possiedo grandi potenzialità: devo solo osare!

4. Crea un'anteprima accattivante e divertente per i social. 

Questo è un consiglio che do innanzitutto a me stessa. Non basta prendere l'immagine del post e sbatterla su tutti i social nei quali siamo presenti. L'ideale sarebbe quello di creare un post che funga da fessura nella quale far sbirciare i lettori. Creiamo quindi un'aspettativa per poi esaudirla nel post sul nostro blog.

5. Assicurati che lo stile sia sempre lo stesso.

Credo sia meraviglioso se qualcuno mi dicesse un giorno 'ho riconosciuto subito che era un tuo post da come era scritto'...
E lo so che c'è qualcuno là fuori che muore dalla voglia di essere la prima a dirmelo :)
Quindi, essere sé stessi, sempre e comunque!




Spero che questi 5 consigli su come generare più clicks nel blog vi siano di aiuto, io ci sto ancora lavorando (si vede?) e se anche voi avete altri consigli scriveteli nei commenti.
Sapete quanto io adori i vostri commenti... In pratica sbavo per loro!

14.11.16

Perchè aprire un blog? (parte 2)

Perchè aprire un blog? (parte 2)

14.11.16

· ·
Questa è la seconda parte del primo post che ha inuagurato una nuova serie di post tutta dedicata a chi vuole aprire un blog e non sa da dove iniziare, oppure ha ancora mille dubbi se farlo o meno.

Avevo chiesto di lasciare nei commenti un consiglio da parte di altre blogger, così che le avrei condivise in questo post.

Lara B. consiglia: "...siate originali.
Non mettetevi a fare le recensioni come le fanno gli altri, le rubriche che fanno gli altri e le grafiche uguali a quelle degli altri solo perchè loro hanno follower. Un blog con personalità e qualche difetto è meglio di uno che sembra scritto da un bot.
"

Sottoletta Rosa dice: "...perchè?? la mia esperienza è che sul blog riesci a esprimerti al meglio e i post sono leggibili a tutti,e sopratutto sul blog vengo sempre contattata ,anzi ho avuto sempre buoni contatti diciamolo."

Ed infatti è proprio di questo che vi parlo oggi: gli aspetti vantaggiosi dell'essere blogger!
Infatti, oltre alla soddisfazione di vedere i propri lavori pubblicati, ammirati e commentati, grazie al blog potete:

  • sponsorizzare il vostro business;
  • essere contattati dalle aziende per recensire i loro prodotti (alcune aziende mettono come condizione proprio l'avere un blog);
  • partecipare ad eventi e/o raduni di bloggers/creativi (possono nascere collaborazioni che possono incrementare le visite al blog);
  • realizzare un workshop (avendo così la possibilità di sponsorizzare te stessa).
Non credo che questi punti abbiano bisogno di spiegazioni.
Il blog ha un grande potenziale che col tempo imparerete a conoscere, io lo sto ancora imparando. Tutto dipende da quanto tempo gli dedichiamo, su che via lo stiamo concretamente indirizzando e quanto effettivamente ci crediamo.
Perchè prima che gli altri (aziende, sponsor, ecc...) credano in noi, dobbiamo farlo noi stessi!

Nei prossimi post vi parlerò di come utilizzare al meglio la piattaforma di Blogger per sfruttare i vantaggi di cui vi ho parlato sopra.

Il resto spetta a voi!


7.11.16

Perchè aprire un blog? (parte 1)

Perchè aprire un blog? (parte 1)

7.11.16

· ·
Questa è una domanda alla quale molte blogger potrebbero rispondere senza pensarci due volte: perchè senti la necessità di raccontarti in uno spazio tutto tuo!

Che tu sia una creativa, una lettrice compulsiva di libri, un'appassionata di make-up, una fashionista, una persona che ama condividere ciò che fa, e sopratutto se ami scrivere allora DEVI aprire un blog!

Ti rispecchi in una delle caratteristiche qui sopra?
Bene, allora sei ad un quarto di strada!

Prima, infatti, ti consiglio di fermarti: siediti con un bel quaderno e una penna e inizia a scrivere, o meglio a PIANIFICARE!

Per partire veramente con il piede giusto comincia a porti delle domande, le stesse che faresti ad una blogger professionista (non mi riferisco a me, tranquilli).

Ovviamente, la prima domanda ti sembrerà una ripetizione ma ti consiglio di portela e sopratutto di rispondere in modo più sincero possibile.
Perchè vuoi aprire un blog?
La risposta potrebbe celarsi appunto fra quelle scritte qui sopra, ma potrebbero esserci altri motivi... del tipo 'voglio diventare famosa e farmi inviare dalle aziende prodotti gratuiti da recensire'... o 'voglio diventare famosa e scrivere alla fine un libro che i miei fans acquisteranno solo perchè sono io ad averlo scritto'... o ancora 'nella blogosfera non c'è ancora una persona come me e quindi c'è gente che mi aspetta là fuori!'.

Ti sembrano risposte esagerate? Ne sei sicura?

Ma andiamo avanti con le altre domande.
Cosa ti aspetti dal tuo blog? (ecco ora sì che hanno senso le riposte qui sopra, vero?)
A chi vuoi rivolgerti?
Cosa vuoi proporre?
Come vuoi proporlo?

A questo punto, se sei riuscita a rispondere a tutte e 5 le domande con entusiasmo e non vedi l'ora di cominciare, allora puoi definirti una #BloggerInside!

Se invece appartieni alla categoria dei pensanti 'vabbè ma tanto apro una pagina facebook o un account instagram e ottengo molto più visibilità... che c'è bisogno pure di scrivere tanto?'
Allora, dal più profondo del mio cuore, ti dico che no, non sei una #BloggerInside!
Il blog non fa per te, anzi non provare neanche ad aprirlo un blog, non riusciresti a stargli dietro e ad apprezzare il tuo stesso sforzo per mantenerlo vivo.

E tu, cara vecchia blogger... Sei d'accordo con me?
Ti sei mai posta queste domande?
Perchè hai aperto il tuo blog?
Che consiglio daresti a chi vuole aprire un blog?

Commentate in maniera spassionata e i consigli li inserirò nella seconda parte di questo post ;)


29.10.16

Come migliorare il blog e aumentare le visite

Come migliorare il blog e aumentare le visite

29.10.16


Fare ricerche, studiare i blog che hanno un grande traffico, carpirne i loro segreti e attingere da loro per avere ispirazione, è un lavoro che ogni blogger dovrebbe fare regolarmente.

Per copiare? Assolutamente no!

Lo scopo è quello di confrontare in maniera schematica il nostro blog con quello preso a modello.
Questo ci porterà a porci delle domande:

  • Sto invogliando il lettore a fermarsi nel mio blog? 
  • Come lo aiuto a trovare ciò che sta cercando?
  • Cosa gli sto offrendo?
  • Il mio blog è user-friendly?

Prendete quanto segue come mie opinioni personali, dettate dalla mia esperienza e dalle mie disavventure blogghifere, e anche da ciò che ho imparato da fonti nel web.

Sto invogliando il lettore a fermarsi nel mio blog?

Come lo aiuto a trovare ciò che sta cercando?

Lo scopo di un blog è certamente condividere le nostre passioni, qualunque esse siano, ma è anche vero che ad un certo punto il blog inizia ad avere vita propria,
Non possiamo essere collegati 24h al giorno e, quindi, non riusciamo a rispondere in tempo reale a chi chiede aiuto perchè non riesce a trovare un post o richiede un argomento, che magari già esiste sul blog, ma non lo sa.
La sidebar e il footer, non sono lì per caso: esistono perchè possiamo sfruttarli al meglio!

Un negozio con una bella vetrina, che espone i prodotti che fanno gola, invoglierà molto più ad entrare per curiosare all'interno.

In un certo senso dobbiamo fare anche noi questo ragionamento con il nostro blog: se un post mi porta mille visite al mese, lo metterò in evidenza, e se non nella sidebar almeno nel footer.
Blogger da un po' di tempo mi dà questa possibilità con il gadget 'Post in evidenza', perchè non coglierla?
Se poi all'interno del blog inseriamo gadget inutili (tipo dar da mangiare ai pesciolini...io l'ho fatto all'inizio -.-) quasi certamente l'attenzione del visitatore (colui che approda per la prima volta sul nostro blog) sarà attratta da quello... inizierà a cliccarci su e addio post scritto con tanto sudore e dedizione.


Cosa gli sto offrendo?

Rendiamo il nostro blog un punto di riferimento ricco di idee, spunti, ispirazioni e links!
Scrivere post di qualità (almeno per noi, speranzosi che lo siano anche per gli altri) vuol dire prendere appunti, spendere ore, starci su anche due giorni, editare mille volte prima di pubblicare (nel mio caso mi accorgo sempre di aver fatto qualche errore e quindi lo aggiorno anche dopo la pubblicazione).
Insomma, un post che si rispetta vuole essere cullato e coccolato, prima di essere donato a chi ci segue.

Inserire links esterni non deve farci sentire in ansia per la perdita di followers e/o visitatori: suggerire fonti esterne per poter approfondire un argomento o citare la propria fonte di ispirazione, migliorerà in un certo senso la reputazione e la validità del blog.

Se volete approfondire sui contenuti di qualità, vi consiglio caldamente di guardare questo video e magari tenere d'occhio Giorgio Taverniti che trovo non solo professionale, ma anche simpatico (poi è calabrese come me :P)

Il mio blog è user-friendly?

Ovvero: il mio blog è facilmente navigabile?
Esiste la regola dei 3 click! (lo avevo citato anche in questo vecchio post)
Se non riesco ad arrivare a ciò che mi interessa in 3 click è quasi certo che lascerò il tuo blog.
Penserete che sia una regola stupida?
Beh, vi dirò, molte volte arrivo su un blog perchè è comparso nella mia ricerca su Google, ma il contenuto non ha nulla a che fare con la ricerca fatta... mi fa rimbalzare da un post all'altro come una pallina da tennis...
Onestamente questo metodo (molto diffuso soprattutto nella categoria di utlity blog) mi sta al quanto sulle scatole e, solitamente, lascio il sito anche al secondo click.

Il segreto, credo, sia immedesimarsi nell'utente che naviga e, molto più importante, studiare le statistiche del nostro blog!
Se riusciamo ad intuire cosa sta cercando il visitatore, o cosa potrebbe interessargli e aiutarlo nella navigazione, otterremo non solo più visite, ma anche un maggior numero di rimbalzi ad opera dell'utente stesso in questo caso e quindi una garanzia per un ritorno futuro.

Alcuni strumenti che possono aiutare il visitatore nella navigazione potrebbero essere:

  • Il gadget delle Etichette. Se queste sono molte possono essere selezionate solo le più interessanti, o, come ho fatto io, creare un menu di categorie utilizzando come base questo tutorial.
  • Immagini spot. Nel mio blog le puoi vedere in alto, nella versione desktop, o in basso nella versione mobile. Visivamente catturano l'attenzione e invogliano a cliccarci su, canalizzando il traffico verso post o categorie che possono essere d'interesse principale.
  • Il gadget del Post in Evidenza. Come ho già detto prima, se abbiamo un post che conta molte visite, che è il più popolare, che ha tanti commenti, allora inseriamolo in bella vista nel blog.
  • I Post relativi. Li trovo fondamentali! Sono questi, forse, che più di tutti generano il rimbalzo tra un post ed un altro. Collegàti tra loro da etichette in comune, creano essi stessi una categoria di post che trattano relativamente (per l'appunto) argomenti della stessa tipologia,
Perchè questo tipo di gadget (che poi è uno script, nel mio caso) sia davvero efficace vi consiglio di rivedere le etichette e di ridurle all'essenziale. Io l'ho fatto e la scelta dei post, ad opera dello script, è migliorata moltissimo, rendendo davvero coerente l'affinità tra i vari post.
Di grande aiuto è stato questo video su come usare le categorie e i tags nel blog sempre di Giorgio Tave.

Last but not least!

I commenti! Ti fanno capire ciò che pensano i tuoi followers e, in alcuni casi, di cosa hanno bisogno.
Ascoltiamoli!
Magari creiamo una sezione, post o pagina, in cui raccogliere le richieste e indirizziamoli verso quella direzione.
Nel mio caso il post Proponilo Tu è stato un successo!!!




Spero vi sia utile questo post... lo so è molto lungo, ma sto puntando sulla qualità... si nota?
Come al solito, lasciate pure un commento qui sotto se avete domande o se volete lasciare un saluto.

10.10.16

8 errori da non fare con il blog!

8 errori da non fare con il blog!

10.10.16



In questo ultimo periodo, da quando ho deciso di avviare al rebranding il mio blog, ho capito quanto stupidi sono certi errori che si fanno per pura #voglia-di-fare-in-fretta-sennò-chissà-quale-cataclisma-arriverà.
Certo, certo...

Eppure, nonostante io mi ripeta che devo riflettere prima di fare passi avventati, ecco che puntualmente arriva il famoso cataclisma!

Oggi voglio quindi condividere con voi alcuni errori che ho fatto e che vi consiglio di non fare.
Non tutti sono stati miei errori, alcuni li ho visti in giro per il web... e non è stato proprio gradevole...



1. GLITTER: USARE CON CAUTELA

Se hai un blog 'puccioso' o 'kawaiioso' l'istinto di mettere qua e là qualche glitter lo avrai sicuramente. E fino a quando resti sul 'qua e là' può essere ancora accettabile. Ma è quando i glitter prendono il sopravvento che la grafica del blog diventa micidiale!
Sì, perchè ti trovi davanti una homepage VIVA!
Tutto si muove!
Ogni cosa sembra farti l'occhiolino!
E tu ti perdi in questa danza ipnotica di stelline che si fanno grandi e poi piccole, poi di nuovo grandi e poi ancora piccole...
Alla fine non ricordi neanche più il motivo per cui sei arrivata su quel blog, perchè ormai sei rimasta accecata, bombardata dai glitter del puntatore del mouse, del gadget che ti dà il benvenuto, di quello che conta gli anni del blog, dei divisori dei posts, e così via...
Ti piacciono i glitter? Nulla in contrario, ma usali con cautela perchè non tutti i visitatori ne vanno matti!


2. ROSA: IDEM COME SOPRA!

Una volta sono capitata in un blog (straniero, lo specifico perchè non vorrei che qualcuno si sentisse chiamato in causa) che aveva un bel background rosa, un header rosa, i glitter rosa, scritte rosa, link rosa (di una tonalità più scura però), sfondo dei post e della sidebar rosa.
Ora... Il rosa è un colore che ho rivalutato negli anni, ma c'è davvero tutto questo bisogno di far diventare il blog delle BigBubbles???
Il rosa può diventare un colore molto elegante e 'maturo' se abbinato al grigio...
Di più, con il rosa, non riesco a dirvi... Sorry.

3.10.16

Come scrivere la pagina ABOUT perfetta

Come scrivere la pagina ABOUT perfetta

3.10.16

Scrivere una ABOUT PAGE sui nostri blog è di vitale importanza per farci conoscere e/o per far crescere il nostro business, se il nostro blog deve arrivare ad un target clienti.

Se il tuo è un blog personale...

L'about page ti servirà senz'altro per fare emergere aspetti che non vengono fuori dai tuoi post: lavoro, famiglia, cibi preferiti, l'evento memorabile della tua vita, ecc...
Per un blog personale, nel quale vengono espresse e condivise le proprie passioni, è  molto più semplice descriversi, perchè il rapporto con il lettore è già reso confidenziale dalla tipologia di post.




Il discorso è ben diverso in un blog che mira anche a raggiungere un target clienti.

Se il tuo blog è anche un business...

L'about page ti aiuterà a comunicare al target quali sono le tue SKILLS, le abilità, e far presente i servizi che si offrono.
Ma come si fa a rendere personale un about page, in questo caso, senza che sembri una sorta di currilum vitae?

27.8.15

Tips for blogger: 5 consigli per il tuo blog su cosa non deve mai mancare!

Tips for blogger: 5 consigli per il tuo blog su cosa non deve mai mancare!

27.8.15

· ·
Toh, guarda chi si rivede! (penserete voi...e avete ragione!)
E che vi devo dire, ormai mi conoscete e ogni tanto mi dileguo, poi ritorno...

Ma se mi state leggendo, quasi sicuramente, lo fate perchè siete curiosi di sapere quali sono questi consigli.
Ebbene, io vado sempre in giro a curiosare per i blog, e devo dire che mi fa sempre molto piacere far visita alle neo blogger che si affacciano in questa realtà, la blogsfera, con un atteggiamento positivo e pieno di speranza.
E non vi nascondo che il più delle volte sono la prima a diventare loro follower, perchè in me persiste il concetto che bisogna sostenersi le une con le altre per creare una rete!

Solo che in qualche blog non ho avuto la possibilità di seguire la blogger... e allora ecco dei piccoli consigli per migliorare il vostro blog!

migliora il tuo blog Simona S.




1 - Aggiungi il gadget dei LETTORI FISSI.

Appena apri un blog, è la prima cosa alla quale devi pensare, se vuoi che i visitatori abbiano la possibilità di tornare a leggerti e persino di commentare! Inoltre è un buon punto di riferimento per te se vuoi sapere quali blogger contraccambiare, anche per semplice cortesia... è una delle regole della blogetiquette.
Dove lo trovi il gadget? Nel pannello di amministrazione del tuo blog, nel menu a sinistra, in LAYOUT.
E se non lo trovi, eccoti un mio vecchio tutorial su cosa fare ;)


2 - Fammi collegare ai tuoi social.

Ormai siamo dappertutto, perchè per chi ha un blog è quasi obbligatorio essere dappertutto!
Se sei su Instagram, o hai una pagina su Facebook, o ti piace cinguettare su Twitter, o ti piace vloggare su Youtube... beh devi dirlo assolutamente sul tuo blog!
Aiutati con i social icons: puoi trovarne di gratuiti o a pagamento, oppure puoi personalizzarli tu nei colori, così come ho fatto io per il mio blog.
E' molto semplice, basta seguire questo tutorial!


3 - Se non lo trovo, lo cerco nel blog!

Aggiungere il gadget 'cerca nel blog' ha una doppia utilità: salva il visitatore che è alla ricerca di qualcosa che aveva già visto, magari in una visita precedente, e salva te perchè dimostri che il tuo blog è User Friendly!
Anche questo, come per ogni gadget di base, lo trovi in LAYOUT. Questo è un gadget abbastanza importante, quindi fa che sia bene in vista, o comunque facile da trovare; ad esempio, nella sidebar, non relegarla alla fine o nel centro fra tutti gli altri gadget, piuttosto piazzala in cima.


4 - Etichetta o categoria... l'importante è che ci sia!

Beh, sono la stessa cosa. Inserire le etichette è di fondamentale importanza per catalogare il post sia all'interno del blog che per facilitare la posizione all'interno di un motore di ricerca (Google, un esempio a caso).
L'Etichetta o Tag equivale all'hashtag di Instagram, per intenderci.
Mi raccomando però a non esagerare e, soprattutto, ad inserire le tags pertinenti al post.


5 - Parla di te!

E su questo punto ci lavorerò presto anche io, perchè ho rimandato per troppo, troppo tempo...
Sto parlando dell'ABOUT PAGE!
La pagina che ci descrive in tutto.

  • Inseriamo una nostra foto, per dare un volto al tuo blog.
  • Raccontiamo qualcosa di noi (non la biografia completa), le nostre passioni, ecc...
  • Diciamo da dove è nata l'idea di avere un blog!




Spero che questa mini guida vi sia piaciuta, e che mi sia fatta perdonare per la mia assenza.
Se così è stato lasciate pure un commento :)