8.7.19

Perché il blog ha poche visite?

8.7.19



Scommetto che anche tu ti sei fatta/o questa domanda.
Tutti i blogger scrivono perché hanno qualcosa da comunicare, da condividere, ma se il blog non ha abbastanza visualizzazioni vale la pena sbattersi tanto per creare contenuti di qualità?
La risposta dovrebbe essere ovvia: certo che vale comunque la pena!
Però... Già, però.

Passiamo per un attimo ad un'altra questione: la SEO. Ti sale l'ansia, vero?
Scrivere un post a regola di SEO non è facile, ma neanche impossibile; questo dovrebbe aiutare il post a farsi trovare da Google, a balzare in cima ai risultati di ricerca. Ma è davvero così?
Sì, la SEO aiuta, ma non credo che questo condizioni più di tanto le visite al blog.
Ci sono sempre delle persone dall'altra parte dello schermo, sono loro che decidono se entrare o meno nel tuo blog. Io posso creare contenuti di qualità a iosa, ma sono loro che decidono se leggerli oppure no, non io.

A questo punto mi sorge un'altra domanda: sto comunicando nel modo corretto?
Beh, qui, mettendomi la mano sul cuore, posso affermare che sì, modestamente sto comunicando nel modo migliore che io possa fare.
I miei post mi rispecchiano, parlano di ciò che mi piace di più, sono distintivi, e le persone questo lo stanno percependo, anche su Instagram. Quindi, da questo punto di vista, non ho alcun dubbio (sempre modestamente parlando... per favore dimmi che stai cogliendo l'ironia).

E allora perché i miei post fanno poche visualizzazioni? Perché ci mettono tanto a decollare?
Una risposta onesta e sincera ce l'ho, anche se fa male doverlo scrivere qui: il blogging, e tutto ciò che gira attorno ad esso, non è l'argomento più ricercato nel web in Italia.
Che tristezza. Però è così.

Oggi ciò che sta vivendo il suo periodo migliore è Instagram, e tutto ciò che gira attorno ad esso. Quindi bisognerebbe sfruttare questa piattaforma per incanalare visite al blog; ma neanche questo funziona, almeno non finché tutti gli utenti non avranno la possibilità di inserire un link 'swipe up' e far accedere direttamente gli utenti al blog, perché diciamocelo, quanto ci costa andare su un profilo e cliccare su un link per uscire da Instagram?

Ma può Instagram fare qualcosa di tanto generoso per gli account piccoli come noi?
A te il piacere di rispondere, magari nei commenti.

È un po' un mistero per me il perché i blog hanno poche visite e non voglio pensare che le persone si stiano impigrendo tanto da non riuscire a leggere un testo più lungo di 300 parole.

Cosa fare allora?
Io ho un piano e sto cercando di attuarlo. I tempi sono abbastanza lunghi, come per ogni cosa fatta bene, ma non ho fretta, infondo è il mio obiettivo dell'anno, quindi ho altri 5 mesi per riuscirci.
E se non dovessi farcela?
Ci lavorerò anche l'anno prossimo, ma credimi se ti dico che ho già raggiunto degli step intermedi di cui vado molto fiera.

Nei miei piani ci sono, fra le altre cose, anche queste voci che trovi di seguito; queste mi porteranno non solo a fa crescere il blog, ma a migliorarmi e a crescere io stessa come blogger, che è la cosa a cui tengo di più.

Lanciare un contenuto gratis.

Che sia una mini guida o dei file da scaricare e stampare, regalare un contenuto a te che mi leggi è un modo per ringraziarti per essere qui a leggere i miei post.
Guardando indietro negli anni, nel mio blog si trovano i cosiddetti freebies, ma i tempi sono cambiati, il blog è maturato e i miei lettori affezionati hanno bisogno di avere qualcosa di molto più corposo, qualcosa che li aiuti nel concreto.
Beh, io ho già qualcosa del genere, ma dovrai aspettare un altro paio di settimane, ma credimi, se ti trovi in difficoltà come blogger, se hai perso di vista la strada da percorrere questo contenuto GRATUITO farà al caso tuo e sarà la svolta!

Lavorare ad un e-book da distribuire.

Ho iniziato a buttare giù la lista degli argomenti da trattare, ma se mi conosci sai che sono vittima del perfezionismo, anche se ogni volta mi riprometto di non esserlo.
Ovviamente quando sarà pronto ne parlerò sul blog e sopratutto sul mio profilo Instagram, quindi seguimi se non vuoi perderti le novità. Non saranno a breve scadenza, queste novità, ma tu seguimi comunque.

Creare una rubrica di guest blogger.


Già molti anni fa avevo iniziato la rubrica "5 domande ad una mia follower" e ora ho ricominciato ad ospitare blogger, quindi se anche tu vuoi scrivere un post per il mio blog contattami attraverso il form che trovi nella pagina contatti.

Curare l'usabilità del sito da mobile.

Google Analytics dice che oltre il 60% delle visite al mio blog arrivano tramite dispositivo mobile.
Non curare il sito rendendolo mobile friendly vuol dire far scappare gli utenti, perché avrebbero difficoltà nella lettura del testo, nella visualizzazione delle immagini, nel cliccare i links, ecc...
Quindi, ogni tanto, è bene dare uno sguardo al blog dal cellulare e prendere nota delle cose che non vanno: bisogna curare l'usabilità.

Progettare un corso di Blogging Coach.

E qui arriviamo al mio obiettivo finale, ma prima lasci che ti spieghi una cosa. La parola coach potrebbe trarre in inganno; qualcuno potrebbe pensare che ho iniziato a darmi delle arie, ma non è così.
Nella bio del mio profilo Instagram trovi scritto Blogging Coach perché mi sento un'allenatrice, una motivatrice del blogging, una che ti dice 'Ehi, non mollare se non riesci a trovare il tuo posto come blogger: non sei la sola ed io posso aiutarti a ritrovare la gioia di bloggare'.
Questo progetto è un po' più complesso, perché abbraccerà diversi canali, non solo il blog, quindi non riuscirò a concretizzarlo prima della fine dell'anno. Ma va bene così.

La competizione è aumentata a dismisura, ne sono consapevole, e ne devi essere consapevole anche tu. E non per deprimerti come facevo io, ma spronarti ad essere più creativa nel proporre contenuti che siano al passo con i tempi e con i gusti degli utenti.

Pinterest è la raccolta di risorse creative più utile del web: attingi da lì, ma non per copiare, ma per ispirarti e capire sopratutto quali contenuti vengono apprezzati di più.



Ora tocca a te!
Fammi sapere nei commenti se hai altri consigli e suggerimenti per aiutare il blog ad avere più visite.




2 commenti:

  1. che bello questo post Simona! Non so se io sia un po' utopistica, però sai che credo che prima o poi ci sarà un ritorno del blog? Che sicuramente non potrà più essere come prima, è chiara l'importanza delle immagini e dei contenuti veloci, però ho come l'impressione che siamo in un momento in cui la gente si sia fermata a prendere fiato, e che capisca di più, rispetto a prima, l'importanza e il valore dei contenuti. Ho l'impressione che ci sia un bisogno collettivo di rallentare e riflettere. E che le cose fatte con passione e amore profondo, ripaghino sempre.
    Oh, io ti seguo eh? E quando posso metto in pratica i tuoi insegnamenti, quindi aspetto tutte le novità :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che bello, grazie di cuore Irene ♥♥♥
      Credo anche io che ci sarà un ritorno al blogosfera, anche intesa come community, così com'era un tempo.
      Ciò che mi fa riflettere è perché i blog non perdono colpi all'estero, mentre qui sì. Ho cercato su un sito quante volte la parola 'blogging' viene cercata in Italia in confronto agli USA. Il divario è enorme! La parola più cercata da noi è Instagram :(
      Noi intanto portiamoci avanti, che quando arriverà il nostro momento saremo pronte ^_^

      Elimina

Lasciando un commento dichiari di aver letto la mia Privacy Policy